Amici del Nidiaci in Oltrarno

In difesa del Bartlett-Nidiaci-Palazzo Santarelli storico spazio dei bambini di San Frediano in Firenze

Impatto Nidiaci!

Ce l’abbiamo fatta.

A presto, le foto di una giornata in cui centinaia di persone si sono alternate nel nostro giardino.

Ma arriviamo al succo, puzzolente ma fondamentale.

Finora, i rifiuti al giardino venivano raccolti in diversi bidoni aperti, dove ci si buttava di tutto.

Il miscuglio di pile, plastica, carte e cibo marcio veniva abbondantemente annaffiato di pioggia; e ogni tanto la pappa veniva portato via da alcuni lavoratori di una cooperativa: bravissimi e molto intelligenti e sensibili, però devono pulire una quantità impressionante di giardini a Firenze e non ce la fanno a passare regolarmente da noi.

E comunque, quado tutto quello che noi spensieratamente buttiamo via, finisce in cenere cancerogena nei polmoni di tutti noi.

Abbiamo parlato al Quadrifoglio di “rifiuti differenziati” e ci hanno risposto, uno che ci avremmo dovuto pensare noi (ci siamo abituati); due che loro ci potevano fornire dei bellissimi adesivi se ci compravamo da noi i bidoni (e anche a questo, ci siamo abituati).

Così abbiamo deciso che avremmo fatto tutto da noi.

Ieri, per la prima volta abbiamo messo fuori quattro sacchetti – plastica, organico, carta, indifferenziato. Abbiamo distribuito a tutti piatti compostabili (“no, sembra carta, ma va nell’organico!”).

E quasi tutti hanno capito.

Il risultato è stato questo:

16-10-22-rifiuti-nidiaci

I due reprobi seduti a sinistra sono, rispettivamente:

  1. i rifiuti indifferenziati (e puzzolenti e pieni di moscerini e con il sacchetto bucato che sgocciola una sgradevole roba rossiccia) che erano già nel bidone, prima della festa
  2. l’indifferenziato raccolto durante la festa stessa.

I buoni ( o quasi) a destra sono, carta, plastica, organico, riciclati.

Non abbiamo fatto prove di peso, ma a occhio il risultato è clamoroso:  su sette sacchetti che fino a ieri sarebbero andati nell’indifferenziato, noi con una fatica minima, siamo riusciti a differenziarne cinque. Anzi, cinque su sei, visto che il sacchetto numero uno risale a prima della festa.

Questo è l’Impatto Nidiaci... il lato oscuro di tante famiglie che si godono un piccolo spazio verde.

La prossima tappa: compreremo quattro bidoni per metterci i rifiuti differenziati e ci penseremo noi a buttarli!

I bidoni robusti, da esterni, abbastanza capienti, dovrebbero costare una quarantina d’euro l’uno: Ilaria già si è impegnata ad acquistarne uno, il resto dipende da tutti noi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Associazione Amici del Nidiaci in Oltrarno Onlus - email giardinonidiaci@gmail.com - tel. 349-1575238
C.F. 94 226 290 487 IBAN IT-58-N-06230-02811-000056733234
Frontier Theme
Skip to toolbar